Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione giurisdizionale regionale Calabria 11/06/2021

- Poiché le gestioni economali hanno ad oggetto spese di modesta entità, richieste all’economo per esigenze indifferibili ed urgenti di funzionamento degli uffici, l’economo stesso, prima di emettere ciascun buono economale ed avviare così la procedura di spesa, deve valutare se la richiesta ricevuta sia adeguatamente e dettagliatamente circostanziata, nonché se rientri nel novero delle spese effettuabili nell’ambito della propria gestione; in caso contrario, non potrà costituire valida esimente la successiva approvazione delle spese da parte dell’amministrazione.
- Ai fini dell’addebito delle spese irregolari all’economo, occorre verificare di volta in volta se siano o meno ascrivibili ai fini istituzionali dell’Ente.
- L’inerenza delle spese obbligatorie ai fini istituzionali dell’Ente è in re ipsa; nel caso di spese di carattere discrezionale, invece, la riconducibilità ai fini istituzionali deve essere oggetto di specifica valutazione da parte dell’organo che aveva disposto l’effettuazione della spesa.
- Dev’essere dichiarata l’irregolarità della gestione contabile, senza addebito, quando le spese in contestazione, seppur effettuate secondo una procedura irregolare, rientrano tutte nei fini istituzionali dell’Ente.

Documenti di riferimento