Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Sezione giurisdizionale regionale Calabria 06/04/2021

Sentenza 6 aprile 2021, n. 122
1.    Il previo accertamento della responsabilità per danni non è un “presupposto ineludibile” dell’azione del Procuratore regionale ai sensi dell’art. 248, comma 5, d.lgs. n. 267/2000 nella formulazione attualmente vigente, avendo il legislatore svincolato il profilo sanzionatorio dall’accertamento di eventuali danni erariali prodotti, ritenendo necessario il solo riconoscimento della responsabilità per aver contribuito al dissesto dell’ente.
2.    L’art. 133 c.g.c. è norma processuale con cui il legislatore ha dettato una disciplina generale e uniforme del rito sanzionatorio, in cui il diritto di azione del Procuratore regionale – come pure il correlato e contrapposto diritto di difesa delle parti - trova la propria giustificazione nella violazione della norma sostanziale fatta valere in giudizio, la quale deve descrivere e prevedere il “precetto” violato e la “sanzione” comminabile.
3.    Le sanzioni interdittive o “di status” “da dissesto” conseguono di diritto all’unico accertamento della responsabilità degli amministratori alla contribuzione del dissesto, nell’ambito del medesimo rito sanzionatorio, e vanno dichiarate dal giudice nel proprio provvedimento.
4.    In materia di responsabilità da dissesto, sussiste la giurisdizione contabile su entrambi gli effetti (sanzione pecuniaria e sanzioni interdittive) che derivano dall’unico accertamento in ordine alla responsabilità degli amministratori per aver contribuito, con dolo o colpa grave e con condotte omissive o commissive, al verificarsi del dissesto.
5.    Sono responsabili per aver contribuito causalmente al dissesto dell’ente gli amministratori che in seguito al riaccertamento straordinario dei residui, che aveva evidenziato un consistente disavanzo di amministrazione, non hanno posto in essere le misure finanziarie necessarie (di contrazione effettiva della spesa) per recuperare il predetto disavanzo già dall’esercizio finanziario successivo.

Documenti di riferimento