Il sito web della Corte dei conti utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie

Il Capo di Gabinetto è nominato fiduciariamente dal Presidente della Corte dei conti, il quale si avvale della sua collaborazione per l’espletamento dei suoi compiti istituzionali. A tal fine, il Capo di Gabinetto sovrintende alle attività svolte dall’Ufficio di Gabinetto e dai magistrati addetti alla Presidenza.

Il Capo di Gabinetto svolge attività di ausilio al Presidente durante le sedute del Consiglio di Presidenza ed alle sue cure è attribuita la gestione dei relativi stanziamenti di bilancio, nonché l’impiego delle risorse umane e strumentali, i cui adempimenti possono essere delegati al dirigente del servizio di coordinamento dell'Ufficio di Gabinetto.

 

 

Mauro Orefice

 

Attuale Capo di Gabinetto della Corte dei conti

Mauro Orefice Capo di Gabinetto

Nato ad Ancona il 22 luglio del 1957, consegue la doppia laurea in Giurisprudenza e in Scienze politiche presso La Sapienza con il massimo dei voti.

Magistrato in servizio presso la Corte dei conti dal 22 maggio 1989 e Consigliere della Corte dei conti dal 22 maggio 1993, viene promosso Presidente di sezione il 20 luglio 2016 ed assegnato alla Sezione giurisdizionale per la Regione Puglia. Allo stato attuale ricopre le funzioni di Presidente di sezione di coordinamento delle Sezioni riunite in sede giurisdizionale. Dal 2018 riveste il ruolo di Capo di Gabinetto, unitamente alle funzioni di Magistrato preposto all’Ufficio affari internazionali.
In relazione all’attività svolta negli anni antecedenti alla nomina a Presidente di sezione, ha prestato servizio presso la I Sezione centrale di appello, che ha poi presieduto come Consigliere facente funzioni del Presidente.

Nell’ambito della Corte dei conti è stato eletto membro togato del Consiglio di Presidenza della Corte dei conti nella consiliatura 1998-2001 e successivamente in quella 2013-2018. Ha ricoperto incarichi rilevanti pressi vari enti, come delegato al controllo ex art. 12 della legge n. 259/1958 presso Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (2013-2017) e dal 1° gennaio 2018 ricopre la veste di delegato al controllo (ai sensi della medesima norma) presso l’ENAV S.p.A.
Nella sua esperienza professionale ha esercitato funzioni sia nell’area del controllo che in quella giurisdizionale. Nell’ambito della prima ha svolto attività nell’ufficio di controllo della Provincia di Trento, attività di delegato al controllo sugli atti del Ministero dei lavori pubblici e ANAS S.p.A., nonché funzioni di coordinamento nell’ambito del controllo successivo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato. Nell’area giurisdizionale ha prestato servizio presso varie Sezioni regionali: Lazio, Sardegna, Lombardia, Piemonte e Veneto.
Nel corso della sua carriera ha rivestito rilevanti incarichi governativi, sia come Capo di Gabinetto vicario (presso il Ministero dello sviluppo economico) sia come Capo ufficio legislativo (Ministero delle attività produttive e Ministero per il commercio internazionale e le politiche europee), nonché come Consigliere giuridico presso il Ministero per i lavori pubblici e presso il Ministero per le attività produttive.
La sua esperienza professionale è arricchita da molteplici incarichi in ambito internazionale, tra i quali si possono annoverare in particolare quello di Delegato italiano in numerose missioni per negoziati economici bilaterali verso Paesi in via di sviluppo e Paesi dell’area OCSE, nonché di Consigliere giuridico presso l’Ambasciata italiana in Londra.
Nell’ambito della sua attività didattica, ha tenuto moltissime lezioni in occasione di corsi e convegni in materia di contabilità pubblica sia nell’ambito della Corte dei conti, che presso scuole di formazione. È stato, altresì, autore di numerosi volumi sul bilancio dello Stato e sulla contabilità pubblica in generale.